Dalla cucina tradizionale indiana, il ghee è approdato sulle tavole di tutto il mondo.
Il ghee, o burro chiarificato, è sano e delizioso.

Come si prepara?

Spezzettare il panetto di burro.
Metterlo in un tegame e farlo fondere a bagno maria oppure lasciarlo fondere su fuoco lento usando lo spezza fiamma.
Mentre il burro si scioglie, affiorerà una schiuma bianca. Con una schiumarola oppure un chicchiaio leggero, togliere delicatamente questa sostanza bianca (composta da acqua, zuccheri proteine del latte).
Una volta tolta tutta la sostanza bianca affiorata, usare un colino rivestito di garza per versare il ghee ottenuto in un vasetto di vetro, facendo attenzione che il residuo di sostanza bianca rimasta sul fondo non vada a finire nel barattolo del vostro ghee.
Il ghee si solidifica non appena si raffredda, il grado di consistenza dipende dalla temperatura esterna.

Benefici del Ghee.

E’ digestivo. Stimola la secrezione degli acidi gastrici nello stomaco. Aiuta a rimuovere le tossine e ne favorisce l’eliminazione, migliorando così la qualità digestiva. Migliora la capacità delle pareti intestinali di assorbire i nutrienti.
E’ antinfiammatorio. E’ la principale fonte di acido grasso butirrato, vitale per la salute delle pareti intestinali, poiché riduce le possibilità di infiammazione. È  quindi ideale per la sindrome dell’intestino permeabile, la sindrome dell’intestino irritabile , la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Aiuta a ridurre il rischio di tumore al colon. aiuta a ridurre le allergie, e a gestire l’artrite e le condizioni autoimmuni.
E’ nutriente e lubrificante dei tessuti del corpo, sia per applicazione esterna sia se assunto come cibo. Lenisce la pelle secca, riduce l’infiammaizione e la rigidità nelle articolazioni.
Migliora la memoria e l’intelletto. È utile per squilibri mentali ed emotivi.
Nell’Ayurveda, il ghee, insieme a Triphala e miele, è usato per migliorare la salute degli occhi.
Aumenta l’efficacia delle erbe medicinali: Ghee è anupana (catalizzatore), ha la capacità unica di veicolare le proprietà curative delle erbe medicinali in profondità nei sapta dhatus (sette tessuti del corpo), aumentando l’efficacia delle erbe stesse.

Quanto ghee è consigliato usare?
circa ½ cucchiaino per pasto

Quali sono le controindicazioni?
eccessive Tossine nel corpo
Colesterolo alto
Sei si è in sovrappeso
Eccesso di Kapha nel sistema

Curiosità:
Nelle antiche scritture, il ghee era definito il cibo degli dei.
L’assenza del lattosio (zucchero) e della caseina (proteina) rende il ghee adatto anche a chi non è in grado di digerire i latticini.
Può essere conservato a temperatura ambiente.
Può essere usato come sostituto del burro e dell’olio grazie al suo alto punto di fumo, a 450 gradi. Più alto è il punto di fumo, migliore è la qualità e la raffinatezza dell’olio.